GREENPASS NO !!! LIBERTA' E LAVORO SI !!! Comitato cittadini per il lavoro e la liberta'

ISTANZA ALLA COMMISSIONE EUROPEA ED AL PARLAMENTO EUROPEO PER L’ABOLIZIONE DELLE NORME ITALIANE CHE IMPONGONO IL GREENPASS A TUTTI I LAVORATORI PER ACCEDERE AL LUOGO DI LAVORO ED AGLI STUDENTI INSEGNANTI E PROFESSORI PER ACCEDERE ALLE UNIVERSITA' ED ISTITUTI SCOLASTICI ( ove sia previsto).

IL GREENPASS ITALIANO ALTERA GRAVEMENTE ANCHE IL REGOLARE  FUNZIONANENTO DEL MERCATO DEL LAVORO , IMPEDENDO LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI NELL' UE. COSI' COME GARANTITO  DALLE NORME E DAI TRATTATI UE.

Il Governo Italiano ha introdotto l'obbligo del Greenpass per tutti i lavoratori pubblici ,privati ed autonomi,  per  l’accesso ai luoghi di lavoro, costringendo di fatto tutti i lavoratori,  per non rimanere senza stipendio ( I LAVORATORI SPROVVISTI DI GREENPASS NON POSSONO SVOLGERE ATTIVITA’ LAVORATIVA E VIENE LORO SOSPESA LA RETRIBUZIONE) ,  a vaccinarsi, o a sottoporsi a tamponi ripetuti ogni 48 ore con costo a carico dello stesso lavoratore, e con grave disagio personale.  Attuando in questo modo una grave discriminazione tra  lavoratori vaccinati e lavoratori non vaccinati.

Lo stesso viene fatto per gli studenti ed insegnanti e professori universitari , per accedere ai locali cali e strutture scolastiche e di istruzione universitaria .

Anche in questo caso si discrimina i non vaccinati . 

Quest'uso del Greenpass è illegittimo e discriminatorio, in quanto in contrasto con  la Costituzione ,  il Regolamento Europeo 953/2021  e la Risoluzione  del Cons.d’Europa 2361 / 2021.

-Il Reg.UE 953/2021 espressamente  prevede l’obbligo di non discriminare i non vaccinati (Al Considerato n. 36 - È necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono vaccinate,)  , anche quelli che hanno scelto di non vaccinarsi , e ribadisce la non obbligatorietà del vaccino anticovid.

-La Risoluzione  del Cons.d’Europa 2361 / 2021 parimenti dichiara che la vaccinazione contro il Covid 19  non dev'essere obbligatoria,  e nessun cittadino europeo non vaccinato deve subire discriminazioni.

-La Carta dei diritti fondamentali riconosciuti dall’UE . ( Diritto al Lavoro è riconosciuto come diritto fondamentale garantito e protetto - Diritto alla non discriminazione)

Il Governo Italiano ha imposto il Greenpass a tutti i lavoratori, violando sia Il Regolamento UE che la Risoluzione del Cons. d’Europa citati ,  oltre che la Costituzione Italiana che garantisce come inviolabile il diritto al lavoro.

Con la presente Istanza noi sottoscritti chiediamo l'intervento immediato della Commissione Europea, che nell’ambito dei  suoi poteri puo’  accertare le violazioni alle Norme Europee da parte di uno  Stato membro; e la presentazione di una Petizione al Parlamento Europeo affichè intervengano immediatamente, nell'ambito dei loro poteri.

Il Greenpass con l’uso che ne fa  l'Italia, discrimina i lavoratori non vaccinati senza alcun fondamento scientifico, perché come è stato  dimostrato da numerose pubblicazioni scientifiche  pubblicate su primarie riviste internazionali quali  Nature,  British Medical Journal, e studi avvalorati dai CDC americani , e da  dichiazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre che di illustri scienziati di fama internazionale, che il vaccinato si puo’  contagiare e puo’ a sua volta contagiare altri, proprio come  un non vaccinato.  E pertanto il soggetto vaccinato che ha ottenuto il Greenpass, senza  ulteriori controlli come il tampone, puo’ essere  portatore di contagio sul luogo di lavoro: solo il tampone negativo puo’ garantire che il lavoratore non sia  contagioso.  Pertanto il lavoratore non vaccinato, che  per ottenere il Greenpass deve sottoporsi al tampone, sicuramente non è contagioso, mentre lo stesso non può dirsi dei lavoratori vaccinati  che non  sono obbligati a sottoporsi al tampone..

Ma il lavoratore non vaccinato, in seguito all'imposizione dell’obbligo del Greenpass per accedere al posto di lavoro in Italia, per non rimanere senza stipendio e quindi senza sostentamento per se e la famiglia, deve necessariamente o sottoporsi ad una vaccinazione anticovid, che non è obbligatoria, o sottoporsi a spese sue al tampone che comporta anche disagi pratici personali. Tutto cio’ è gravemente discriminatorio per i lavoratori non vaccinati ed in aperta violazione  delle Norme  Europee sopra citate, sia sotto il profilo della ingiusta discriminazione dei non vaccinati , sia sotto il profilo dell’obbligo mascherato di vaccinazione.

La discriminazione dei lavoratori non vaccinati senza Greenpass  viola anche  la Costituzione Italiana che garantisce il lavoro come diritto fondamentale dell'uomo -  Art. 4. La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

Allo stesso modo vengono discriminati studenti insegnanti e professori di ogni ordine e grado , per i quali e' stato individuato introdotto l' obbligo del Greenpass per accedere alle strutture  ed ai locali  scolastici , di istruzione ed universitari. 

Anche in questo caso vengono violato i diritti costituzionali al lavoro ed all' istruzione , discriminando i non vaccinati. 

ANCHE LE NORME ITALIANE CHE IMPONGONO L' OBBLIGO VACCINALE PER ALCUNE CATEGORIE DI LAVORATORI SONO NORME DISCRIMINATORIE CHE LIMITANO GRAVEMENTE IL DIRITTO AL LAVORO ED IL DIRITTO A NON ESSERE DISCRIMINATI. PER TALI CATEGORIE LA DISCRIMINAZIONE E' ANCORA MAGGIORE PERCHE' IL VACCINO NON PUO' ESSERE SOSTITUITO DAL TAMPONE. IN VIOLAZIONE DI TUTTE LE NORME SOPRA RICHIAMATE ! 

  1. Si chiede un immediato intervento della Commissione  Europea e del Parlamento Europeo , cui la presente Istanza è indirizzata , al fine di far dichiarare illegittimo e discriminatorio l’obbligo del Greenpass imposto ai lavoratori agli studenti agli insegnanti ai professori ed ai collaboratori delle istituzioni di istruzione  italiani per accedere al luogo di lavoro e di studio  , così come sopra descritto, ed imposto dal Governo Italiano.
  2. E per fare dichiare illegittimo l' obbligo vaccinale per alcune categorie di lavoratori , essendo tale obbligo discriminatorio ed in violazione del diritto al lavoro .IMG_20211019_0344581.jpg

Egidio Privitera egidioprivitera@yahoo.it    Contatta l'autore della petizione

Firma questa petizione

Firmando, autorizzo Egidio Privitera egidioprivitera@yahoo.it a trasferire le informazioni che fornisco in questo modulo a coloro che hanno facoltà su questo argomento.


O

Riceverai un messaggio email con un link per la conferma della tua firma. Per assicurarti di ricevere le nostre e-mail, aggiungi info@petizioni.com alla rubrica o alla lista dei mittenti attendibili.

Si noti che non é possibile confermare la propria firma rispondendo a questo messaggio.




Annunci pubblicitari a pagamento

Promuoveremo questa petizione a 3000 persone.

Per saperne di più...