NO ALLA RIAPERTURA AL TRAFFICO DI VIA CIALDINI E VIA XXIV MAGGIO A SAN FERDINANDO DI PUGLIA

Al Sig. Presidente del Consiglio Comunale

di San Ferdinando di Puglia

 

Premesso: che l’Amministrazione Comunale di San Ferdinando di Puglia intende realizzare interventi per la riapertura delle strade adiacenti Piazza della Costituzione, attraverso il rifacimento della pavimentazione, che torni a consentirne l’uso anche veicolare (cfr. D.G.C. n. 9 del 08.02.2019);

Visti: l’art. n. 32 dello Statuto Comunale e l’art. n. 79 del Regolamento del Consiglio Comunale che disciplinano gli istituti di partecipazione e promozione popolare all’attività amministrativa;

I sottoscritti firmatari desiderano esprimere sconcerto e dissenso per la decisione di riaprire via Cialdini e Via XXIV Maggio, unitamente al tratto di strada retrostante la torre civica, al traffico automobilistico.

Riaprire alle auto le suindicate vie rappresenta innanzitutto un atto provocatorio e di sfida antistorica verso il principio ormai condiviso in tutta Europa che il centro cittadino e la sua parte storica e più preziosa dal punto di vista turistico e artistico devono essere pedonali o ciclopedonali.

Riaprire alle auto queste vie penalizza inoltre tutta la popolazione che desidera “vivere” il centro e godere dei suoi marciapiedi, tavolini all'aperto e strade tranquille. Riaprire alle auto significa portare ovunque rumore, inquinamento chimico e acustico, rischio di incidenti – si pensi alla improvvida decisione da parte di Codesta Amministrazione di far circolare mezzi pesanti nel centro storico (bus di linea e altri mezzi da via Papa Giovanni e Via Nazionale).

Riaprire alle auto afferma il principio che sono secondarie e sacrificabili le categorie con bisogni particolari: persone con disabilità, anziani, bambini, animali da compagnia. Si tratta di persone e soggetti che vanno tutelati per un elementare principio di umanità, di dignità, di democrazia e, in fin dei conti, perché questa tutela va a beneficio di tutti i residenti, oltre ad incrementare la godibilità del centro da parte dei turisti, che lo percorrono generalmente in bici o a piedi. In molte città si è proceduto in questi anni alla pedonalizzazione di aree sempre maggiori, ed i centri sono pieni di vita e attività culturali e sociali, impossibili in presenza del traffico automobilistico, e lo stesso commercio ne trae vantaggio.

Inoltre, è oltraggioso dell’uso del denaro pubblico la decisione di ritornare a investire lì dove da pochissimo tempo, durante la precedente amministrazione, sono state già realizzate opere di ristrutturazione.

Si chiede, pertanto, che siano messe in opera con determinazione e coerenza ancor maggiori della precedente amministrazione tutte le azioni utili alla messa in sicurezza e a mantenere ed ampliare le aree pedonali del centro, a promuovere la mobilità sostenibile e non motorizzata, e a migliorare l’accessibilità del centro cittadino per tutte le persone.

San Ferdinando di Puglia, 27 agosto 2019

 

Si dichiara, ai sensi del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di trattamento dei dati personali” che le informazioni fornite non saranno utilizzate che per la presente petizione.


don Domenico Marrone    Contatta l'autore della petizione

Facebook