L' Italia non invii armi all' Ucraina in guerra

Contatta l'autore della petizione

Il dibattito sulle armi all' Ucraina continua dopo 16 giorni

2022-03-16 15:04:13

Il Consiglio dei Ministri del governo Draghi ha deliberato l' invio di armi all' Ucraina il 28 febbraio.

Oggi 16 marzo in Italia continua il dibattito tra pacifisti ed interventisti, cioè tra chi non intende partecipare in nessun modo al conflitto armato e chi invece ritiene giusto partecipare, o direttamente o inviando armi.

Le notizie certe sono che non sappiamo quante armi e quali stiamo inviando all' Ucraina, non sappiamo il costo di queste forniture, non sappiamo chi le userà. Infatti, come già anticipato nella petizione, l' Ucraina aveva già nelle sue leggi la possibilità di arruolare militari mercenari stranieri.

L' altra notizia certa  è che l' Ucraina spinge sempre per un coinvolgimento maggiore della NATO al conflitto. Intanto Biden annuncerà, secondo media statunitensi, la fornitura di armi all' Ucraina per un miliardo di dollari.

l' Italia sta mobilitando inoltre le sue Forze Armate in modo sempre più indirizzato verso la partecipazione attiva ad un conflitto.

Quello che invece non è detto esplicitamente ma solo in qualche momento del diluvio di informazione sulla guerra, è

che Italia e alleati hanno come obbiettivo di rovesciare il governo di Putin. In Italia l' hanno detto esplicitamente Emma Bonino e il senatore Faraone di Italia Viva.

Questa ipotesi sembra al momento assai improbabile e

intensificare l' aggressività militare, economica e propagandistica contro la Russia, vedendo questo immenso paese solo come blocco passivo di decine di milioni di persone al guinzaglio di un dittatore cattivo, è una strada da non percorrere.

Dieci anni fa, paesi occidentali, petromonarchie del Golfo e Turchia hanno fatto questa scelta, guerra continua, per sconfiggere il dittatore Assad, presidente della Siria. Dieci anni dopo Assad è sempre presidente, la Siria distrutta e con l' Isis la violenza è arrivata anche nel cuore dell' Europa.

Mercoledì 24 marzo a Bruxelles si terranno due importanti vertici: un summit della NATO con la presenza di Joe Biden e il Consiglio d' Europa dei paesi UE, anche a questo appuntamento parteciperà parzialmente il presidente USA. Quel giorno probabilmente capiremo meglio il prossimo futuro del conflitto ucraino. Sarebbe opportuno per indebolire il più possibile le tentazioni belliche partecipare numerosi alle manifestazioni contro la guerra di questa settimana. Le manifestazioni contro la partecipazione dell' Italia alla guerra e non le manifestazioni che chiedono la guerra alla Russia di tutti i paesi NATO:


Marco Palombo



Condividi questa petizione

Aiuta questa petizione a ottenere più firme.

Come promuovere una petizione?

  • Condividi la petizione sulla tua bacheca di Facebook e nei gruppi correlati al suo argomento.
  • Contatta i tuoi amici
    1. Scrivi un messaggio in cui spieghi il motivo per cui hai firmato questa petizione, dato che le persone lo firmeranno con maggiore probabilità se comprendono l'importanza dell'argomento.
    2. Copia e incolla l'indirizzo web della petizione nel tuo messaggio.
    3. Inviate il messaggio tramite e-mail, SMS, Facebook, WhatsApp, Twitter, Skype, Instagram e LinkedIn.



Annunci pubblicitari a pagamento

Promuoveremo questa petizione a 3000 persone.

Per saperne di più...