Aboliamo l'obbligatorietà dei CAC nelle speciali/raduni di razza

Al Consiglio Direttivo dell'E.N.C.I.

I SOCI FIRMATARI DELLA PETIZIONE, richiedono l’eliminazione dell’obbligatorietà dei CAC in raduni o speciali per il conseguimento del titolo di campione italiano di bellezza.

L'obiettivo è quello di dare maggior peso al titolo di Campione di Club, titolo assegnato con la stessa metodologia in tutte le società specializzate (campionato sociale). I due titoli, ossia quello di Campione Italiano di bellezza e quello di Campione di Club, daranno inoltre la possibilità di ottenere il titolo di Campione Italiano Assoluto di bellezza.

La Società specializzata, riacquisirà in tal modo il suo ruolo istituzionale di organo tecnico e sarà suo compito quello di:

1) divulgare e promuovere le razze tutelate;

2) controllare altresì l'andamento di tutte le patologie genetiche insite nelle stesse;

3) formare nuovi giudici ed aggiornare i giudici, attraverso seminari;

4) organizzare seminari per gli allevatori ed amatori delle razze da essa tutelate;

5) organizzare stage di toelettura e quant'altro, il tutto atto ad avvicinare gli appassionati alle razze, dandone le corrette informazioni.

I mezzi idonei verranno forniti dall'ENCI.

Si propone inoltre al CD dell'ENCI, di rivisitare l'iter per il conseguimento del titolo di campione italiano, tramite l'inserimento del CAC di campionato (per esempio tre all'anno, al Nord, al Centro ed al Sud/Isole d'Italia) o secondo lo schema già utilizzato in Spagna.

 

Cordiali saluti


Francesco Cochetti    Contatta l'autore della petizione

Firma questa petizione

Firmando, autorizzo Francesco Cochetti a consegnare la mia firma a coloro che hanno potere decisionale in merito a questo problema.


O

Riceverai un messaggio email con un link per la conferma della tua firma. Per assicurarti di ricevere le nostre e-mail, aggiungi info@petizioni.com alla rubrica o alla lista dei mittenti attendibili.




Annunci pubblicitari a pagamento

Promuoveremo questa petizione a 3000 persone.

Per saperne di più...

Facebook