PETIZIONE PER LA VOLONTARIA NADIA TRAINO

Nadia Traino è una quarantenne giovanile e attivissima nel volontariato che, nell'agosto del 2012, ha perso definitivamente il lavoro, dopo anni di contratti a tempo determinato, e a causa della crisi non è più riuscita a trovarne un altro.

Nadia, che è un'esperta barista, ma che si adatterebbe a qualsiasi mansione, purché in regola e adeguatamente retribuita,
vive a Torino con la sua bambina , oggi quattordicenne, che ha coraggiosamente cresciuto e mantenuto da sola. Purtroppo, a causa della mancanza di entrate, da mesi non è più stata in grado di pagare l'affitto del piccolo appartamento e quindi, dal 10 febbraio, lo sfratto sara' esecutivo e lei si trovera' per strada insieme alla sua bambina.
In quest'anno e mezzo Nadia si è divisa fra l'educazione della figlia, la ricerca di un lavoro e le cure della colonia felina di cui è ufficialmente responsabile e che segue con grande amore e competenza. 
Torino, la città in cui vivono Nadia e sua figlia, è recentemente balzata alle cronache per la splendida iniziativa dell'assegnazione di moderne abitazioni provviste di mobili nuovi fiammanti ai rom. 
Senza voler togliere nulla a queste persone e alle loro necessità, noi firmatari di questa petizione chiediamo al Sindaco della Città di Torino e alle altre Autorità competenti che anche a Nadia Traino (che ha sempre pagato tasse e contributi in Italia, essendo cittadina e lavoratrice italiana) e alla sua figliola minorenne venga assegnato dal comune di Torino un alloggio popolare, come da richiesta effettuata il 7/11/2013 ( bando assegnazioni alloggi di edilizia sociale) e precedentemente in data 23/9/2013 ( presso la Piccola Casa della Divina Provvidenza).

 


Rosalva Di Geronimo    Contatta l'autore della petizione

Firma questa petizione

Firmando, autorizzo Rosalva Di Geronimo a consegnare la mia firma a coloro che hanno potere decisionale in merito a questo problema.


O

Riceverai un messaggio email con un link per la conferma della tua firma. Per assicurarti di ricevere le nostre e-mail, aggiungi info@petizioni.com alla rubrica o alla lista dei mittenti attendibili.

Annunci pubblicitari a pagamento

Promuoveremo questa petizione a 3000 persone.

Per saperne di più...

Facebook