Un appello per chi intende manifestare la propria gratitudine al Presidente Mario Draghi

 Caro Draghi, non sappiamo ancora se la riscossa ucraina di questi giorni sarà l' inizio della liberazione del paese e la fine della più brutale aggressione militare compiuta dopo la seconda guerra mondiale. Constatiamo soltanto che essa avucraina.jpgviene nel silenzio quasi indispettito di sovranisti putinani , rublonegazionisti  e putinianpacifisti , che hanno prima tifato per la resa degli ucraini, poi negato i massacri russi e infine fatto cadere il suo governo anche per l'appoggio armato dato all'Ucraina. In un passaggio esemplare in aula ha affermato: “C’è una fondamentale differenza tra due punti di vista, uno è il mio, per cui l’Ucraina si deve difendere; le sanzioni, l’invio delle armi, servono a questo. L’altro punto di vista è diverso: l’Ucraina non si deve difendere, non dobbiamo fare le sanzioni, non dobbiamo mandare le armi, la Russia è troppo forte, perché combatterla, lasciamo che entri, lasciamo che l’Ucraina si sottometta, dopotutto, cosa vogliono questi?” Desideriamo ringraziarla come cittadini e come elettori per la chiarezza e la fermezza che , insieme al presidente Mattarella, ha dimostrato facendo questa scelta. Una scelta che onora la storia di questo paese e ravviva la memoria di un'altra liberazione , quella per cui combatterono e morirono i nostri padri e i nostri nonni.  Grazie Presidente.


Cristina Bicceri e Mimmo Lombezzi    Contatta l'autore della petizione

Firma questa petizione

Firmando, autorizzo Cristina Bicceri e Mimmo Lombezzi a trasferire le informazioni che fornisco in questo modulo a coloro che hanno facoltà su questo argomento.


O

Riceverai un messaggio email con un link per la conferma della tua firma. Per assicurarti di ricevere le nostre e-mail, aggiungi info@petizioni.com alla rubrica o alla lista dei mittenti attendibili.

Si noti che non é possibile confermare la propria firma rispondendo a questo messaggio.




Annunci pubblicitari a pagamento

Promuoveremo questa petizione a 3000 persone.

Per saperne di più...